The Giver. Il donatore  - Lois Lowry, Sara Congregati, Angela Ragusa
Stories Blog Review: http://storiesbooksandmovies.blogspot.it/2014/08/il-donatore-lois-lowry.html

"Com’era possibile sentirsi fuori posto nella loro Comunità, ordinata com’era, dove ogni scelta era operata con tanta cura?”


Uno dei titoli più discussi degli ultimi mesi è sicuramente The Giver. A breve, infatti, l'omonimo film andrà alla conquista delle sale cinematografiche di ogni dove, con condottieri del calibro di Meryl Streep e Jeff Bridges. In seguito all'uscita del trailer, molti fan dei romanzi della Lowry si sono lamentati poichè le vicende narrate nel libro sono state modificate e riadattate.
Ovviamente non mi sono lasciata sfuggire il romanzo, considerato uno dei più importante distopici degli ultimi anni. Armata di libro e segnalibro mi sono avventurata tra le sue affascinanti pagine. In esso ho ritrovato moltissimi aspetti che ho apprezzato in 1984, Brave New World, due classici di questo genere. In poche pagine, infatti, la Lowry affronta tematiche tipiche come il costante controllo della società tramite la tecnologia, la sottomissione della scienza al potere e la manipolazione.
Con gli occhi di Jonas, il protagonista undicenne, il lettore conosce un ipotetico futuro, un mondo il cui unico scopo è quello di mantenere la pace e l'uguaglianza ad ogni costo. Le eccellenze e le mancanze non possono essere tollerate poichè creerebbero troppe differenze tra le persone. Al compimento del suo dodicesimo anno, a Jonas verrà affidato il suo lavoro, il compito che per tutta la vità dovrà eseguire. Solo così riuscirà a capire se stesso.
Ho adorato questo libro! Per tutta la lettura ho continuato a chiedermi, cercando una possibile risposta, perchè non avessi letto prima questo libro. È geniale e preciso in ogni suo piccolo aspetto e dettaglio. Mi ha incuriosito molto l'idea del colore. Sì, perchè in questo mondo ipotetico è impossibile riuscire a distinguere i colori poichè essi rappresentano allo stesso tempo la diversità e l'unicità dell'essere.
A differenza di molti altri lettori, ho approvato il finale piuttosto enigmatico. Lascia sicuramrnte molte domande, molti interrogativi simili a quelli che si è posto il protagonista durante la sua crescita, un percorso ricco di paure e di tormenti. Jonas aprirà gli occhi ed inizierà a scegliere!
Un libro superconsigliato a tutti. Imperdibile!