La stanza del dipinto maledetto - Corrado Spelli
Blog Stories Review: http://storiesbooksandmovies.blogspot.it/2013/12/la-stanza-del-dipinto-maledetto-corrado.html

Ho ricevuto una copia autografata di questo libro grazie al programma First read promosso da Goodreads tramite giveaways. A capitoli alterni, si narrano le vicende di Liz, ai nostri giorni, e quelle del giovane Morgante Fortebraccio e dei suoi amici cavalieri, intenti a difendere Perugia dalle mire espansionistiche del papa nel 1540.

Liz, soprannome di Elizabeth, è una ragazza inglese che da alcuni anni è costretta a viaggiare per tutta l'Europa a causa del lavoro del padre, lo storico d'arte McInley. Le sue 'trasferte' di città in città, generalmente, non durano più di poche settimane. Il sogno della giovane è, quindi, quello di ritornare all'amata Londra.

Perugia è la sua ultima meta: qui inizierà a frequentare l'università e qui dovrà trovarsi dei nuovi amici per ambientarsi. Le giornate estive, che precedono l'inizio della scuola, scorrono veloci. Nel frattempo Liz ha conosciuto Erica, vivace giovane.

A pochi giorni dalle prime lezioni, però, inizia una strana catena di omicidi avvenuti in circostanze misteriose. Tutte le vittime erano coinvolte nel nuovo lavoro del signor McInley, che deve datare e studiare un affresco appena ritrovato nella Rocca Paolina.
Parallelamente, Liz inizia a frequentare Lars, un affascinante ragazzo svedese che terminerà in Italia i suoi studi universitari.

La giovane inglese percepisce, però, la tensione che è presente nell'aria di Perugia: gli omicidi hanno profondamente impressionanti gli abitanti del capoluogo ed il padre della ragazza è sempre più preoccupato.


Dopo aver letto i primi capitoli, sorge spontanea una domanda: perchè questo buon libro è stato presentato come un'indagine di uno storico d'arte? Dopotutto, il professor McInley viene descritto ed introdotto dalla figlia Liz, vera protagonista del romanzo insieme al misterioso Lars. Inoltre, il genere è più quello del paranormale.

Ciò che incuriosisce di più è sicuramente il legame tra le vicende del 1540 e quelle di Liz, che inizialmente appaiono così lontane e differenti tra loro.
Sono molto interessanti anche le minuziose descrizioni dei paesaggi e degli scorci di Perugia e dintorni.